Portrait

266676_3702532403841_1647434522_o 456365_3702513523369_527010070_o

Black and White

RUNNING

PicMonkey Collage

Taking photos

IMG_3230

Bugerru – Grotta Su Mannau

Cos’è la fotografia HDR (High Dynamic Range)?

La sigla HDR sta per High Dynamic Range, che in inglese significa più o meno ampia gamma dinamica. La tecnica HDR permette di creare immagini con livelli di illuminazione che vanno molto più in alto e molto più in basso di quanto normalmente possibile. La gamma dinamica, quindi, si riferisce alla gamma dei possibili valori di illuminazione.

Leggi il resto di questa voce

Come scattare in modalità Manuale?

Questo articolo è dedicato a tutti quelli che desiderano avere il pieno controllo della loro fotocamera, tutti quelli che guardano con timore alla piccola M sul selettore dei modi di scatto, ma anche a chi vuole far fare un salto alle proprie abilità fotografiche. Oggi, finalmente, impariamo ad usare il modo manuale.

Abbiamo già visto perché e quando il modo manuale è utile, voglio ricordare soprattutto quanto sia d’aiuto per imparare bene a controllare l’esposizione. Grazie alla sofisticazione delle attuali fotocamere, spesso possiamo ottenere foto soddisfacenti anche usando i modi automatici o semiautomatici. Quindi, perché sottoporsi alla fatica di imparare a scattare in manuale e alle infinite frustrazioni di foto non riuscite?

La verità è che il modo manuale ci affida la completa responsabilità di ottenere la corretta esposizione e, spinti da questa responsabilità, dobbiamo attrezzarci per imparare ad impostarla correttamente. Leggi il resto di questa voce

Cos’è una reflex e come funziona?

Quando si parla di fotocamere reflex, che siano esse analogiche (SLR, Single Lens Reflex) o digitali (DSLR, Digital SLR), si parla comunque di fotocamere che hanno in comune lo stesso principio di funzionamento. Il tutto parte da uno specchio che riflette nel mirino l’immagine che entra dall’obbiettivo (da qui appunto il termine reflex). Al momento dello scatto, lo specchio si alza e la luce colpisce il sensore (o la pellicola) per il tempo prestabilito, generando così l’immagine che verrà poi salvata (o impressa).

Lo specchio si trova quasi sempre in posizione di mira, reindirizzando l’immagine al pentaprisma e quindi al mirino e permettendo di inquadrare il soggetto da fotografare. Nel momento dello scatto lo specchio si solleva, lasciando passare la luce verso l’otturatore e l’elemento sensibile, permettendo in questo modo l’immagazzinamento dell’immagine. Contemporaneamente, lo specchio ottura la parete superiore della camera in cui si trova, impedendo l’ingresso di luce dal mirino. Non appena l’otturatore si richiude, lo specchio si riabbassa in posizione di mira. Tutto questo avviene in un breve istante, nel quale i movimenti delle parti meccaniche producono il caratteristico “click” di questa tipologia di fotocamere.

Il pentaprisma (o il pentaspecchio), oltre a deviare l’immagine dallo specchio al mirino, ha anche la funzione di raddrizzarla, perché altrimenti risulterebbe avere i lati destro e sinistro invertiti.

Sunset Wedding

IMG_1422

Stintino

IMG_0707